top of page

AGGIORNAMENTI SCIENTIFICI E STAMPA

Esplora l'avanguardia della ricerca scientifica e addentrati nell'affascinante mondo della scoperta con i nostri ultimi articoli di notizie. Scopri studi innovativi, tendenze emergenti e approfondimenti stimolanti che modellano il panorama della salute e del benessere. Immergiti nel regno della conoscenza mentre sveliamo i misteri della scienza e condividiamo la nostra passione per oltrepassare i confini. Unisciti a noi in questo affascinante viaggio di esplorazione e rimani informato sulle nostre ultime ricerche scientifiche.

INFLUENZA DEI NITRATI ALIMENTARI DI AMARANTO (AMARANTHUS HYPOCHONDRIACUS) SULLA CAPACITÀ AEROBICA DI GIOVANI FISICAMENTE ATTIVI

Prove recenti indicano che l’aumento dei nitriti plasmatici attraverso l’integrazione alimentare di nitrati (NO3-) è associato a una maggiore efficienza muscolare, resistenza alla fatica e prestazioni. La barbabietola rossa (in varie forme) è la fonte dominante di NO3 alimentare, principalmente a causa della sua vasta disponibilità e della forma semplice di preparazione adatta al consumo finale. Dopo alcuni anni di ricerca e sperimentazione, il nostro team scientifico ha identificato una fonte alternativa ricca di NO3- nella dieta come possibile precursore dell'ossido nitrico, l'amaranto (Amaranthus Hypochondriacus) con una concentrazione standardizzata del 9-11% di NO3-. Questo studio mirava a valutare l'effetto della supplementazione a dose singola (±400 mg di NO3- alimentare) e a lungo termine (6 giorni) di NO3- alimentare derivato dal concentrato di amaranto sulla capacità aerobica in giovani fisicamente attivi.

Parole chiave: capacità aerobica; Amaranto; Ciclismo; Nitrati alimentari; Giovani.

Immagine di Sebastian Graser

IMPATTO DEL NITRATO DI POTASSIO ALIMENTARE SULLA DURATA DELLA VITA DELLA DROSOPHILA MELANOGASTER

The recently defined and yet rather new topic of healthy aging is attracting more attention worldwide. As the world population is getting older, it is rapidly becoming essential to develop and maintain functional abilities at older age and develop mechanisms to protect the senior population from chronic diseases. One of the most effective components, as well as processes associated with aging, is the recently discovered and Nobel prize-awarded—nitric oxide (NO) (as a signaling molecule), which, followed by later discoveries, showed to have a positive metabolic, immunological, and anti-inflammatory effect. Nitrates are one of the most debated topics of the last decade in the scientific community due to their pathways involved in the production of nitric oxide. Thus, the objective of this study is to evaluate the effect of different potassium nitrate concentrate supplementation on Drosophila melanogaster longevity imitating a human carbohydrate-based diet with relationship to possible cause of oxidative stress. Influence of 0.5–3% potassium nitrate medium on the lifespan and motor function in different groups consisting of 100 fruit fly females in each was analyzed. In this assay, female fly species supplemented with potassium nitrate diet showed life span increase by 18.6% and 5.1% with 1% and 2% KNO3, respectively, with a positive impact on locomotor function. In conclusion, we found that low concentration of potassium nitrate medium increased lifespan and locomotor function in Drosophila melanogaster.

Keywords: 

nitric oxidenitratesdietary potassium nitrateDrosophila melanogasterlongevitylifespandietcarbohydratesoxidative stress

Immagine di Yassine Khalfalli

Effetti della supplementazione permanente di nitrato di potassio sulla longevità dei topi maschi e sulla patologia degli organi

Molti studi a breve termine con l’integrazione alimentare di nitrati negli esseri umani e nei modelli animali hanno riportato effetti positivi sul sistema cardiovascolare, sull’efficienza dell’esercizio fisico e sulla funzione immunitaria. Tuttavia, da tempo esiste una preoccupazione legata al cancro e agli effetti ormonali avversi. Abbiamo studiato gli effetti a lungo termine di diverse concentrazioni di nitrato di potassio (KNO3) sulla longevità dei topi di laboratorio e sui cambiamenti strutturali nei loro organi. Quattro gruppi di topi maschi sono stati trattati con 0 mg (0%), 45 mg (1%), 90 mg (2%) e 140 mg (3%) di KNO3 nell'acqua potabile. I gruppi sono stati monitorati quotidianamente per l'agilità e lo stato di salute. Sono stati analizzati la durata della vita dei topi e i cambiamenti patologici degli organi. Non abbiamo riscontrato effetti dannosi dell’integrazione per tutta la vita di KNO3 sulla sopravvivenza dei topi nei gruppi di trattamento. L'integrazione di nitrati è stata associata a un livello inferiore di cambiamenti patologici (p = 0,002). Concludiamo che l’integrazione di KNO3 non ha avuto effetti cancerogeni sui topi e probabilmente ha impedito l’invecchiamento degli organi.

Parole chiave:

nitrati ; nitrato di potassio ; monossido di azoto ; topi ; longevità ; durata ; patologia degli organi

Immagine di Ricky Kharawala

L'effetto dell'integrazione di nitrato di potassio sulla forza e sulle proprietà dei muscoli estensore lungo delle dita (EDL) nei topi

L'aggiunta di nitrato di potassio (KNO3) alla dieta migliora le proprietà fisiologiche dei muscoli dei mammiferi (ricostruisce i muscoli indeboliti, migliora la struttura e la funzionalità). Lo scopo di questo studio era di studiare l'effetto dell'integrazione di KNO3 in un modello murino. I topi BALB/c sono stati nutriti con una dieta KNO3 per tre settimane, seguita da una dieta normale senza nitrati. Dopo il periodo di alimentazione, il muscolo estensore lungo delle dita (EDL) è stato valutato ex vivo per la forza di contrazione e l'affaticamento. Per valutare i possibili cambiamenti patologici, l'istologia dei tessuti EDL è stata eseguita nei gruppi di controllo e nei gruppi alimentati con KNO3 dopo 21 giorni. L'analisi istologica ha mostrato un'assenza di effetti negativi nei muscoli EDL. Abbiamo anche analizzato 15 parametri biochimici del sangue. Dopo 21 giorni di integrazione di KNO3, la massa dell'EDL era, in media, più grande del 13% nel gruppo sperimentale rispetto ai controlli (p < 0,05). La forza muscolo-specifica è aumentata del 38% rispetto al gruppo di controllo (p < 0,05). I risultati indicano che KNO3 ha effetti in un modello murino sperimentale, mostrando la forza muscolare indotta dalla dieta a base di nitrati. Questo studio contribuisce a una migliore comprensione dei cambiamenti molecolari nei muscoli in seguito all’intervento nutrizionale e può aiutare a sviluppare strategie e prodotti destinati a trattare i problemi legati ai muscoli.

Parole chiave:

nitrati ; monossido di azoto ; nitrato di potassio ; Modello murino BALB/c ; istologia muscolare ; forza muscolare ; prestazione atletica ; sarcopenia ; recupero muscolare

Immagine di Clique Images
bottom of page